OMG! Insegnante razzista con suoi studenti, ma il giudice lo difende


 
Una delle cose più importanti da ricordare per combattere il bullismo è questa: quando a scuola vediamo che qualcuno viene preso in giro e maltrattato dagli altri,
dobbiamo parlarne con un adulto!  Ma cosa succede quando è proprio l’insegnante a trasformarsi in un bullo?! WHAT?!? Come se non bastasse preoccuparsi già dei bulli che hanno la nostra età!

Oggi vi raccontiamo una storia che, purtroppo, non ha un lieto fine, ma che può comunque trasmetterci un messaggio importante.

A Torino, un professore delle medie è stato accusato di aver fatto dei commenti razzisti contro due suoi studenti. Un ragazzo marocchino ed un ragazzo cinese!
Gli studenti si sono arrabbiati molto e ne hanno parlato subito con i loro genitori e con il preside.  Per fortuna il preside fa parte del TEAM NO BULLI e ha deciso di sospendere e denunciare l’insegnante.

Durante il processo, però, il giudice ha deciso di non condannare il professore. Secondo lui, infatti, gli insulti non erano abbastanza gravi da meritarsi di andare in prigione.... MAH!

Il prof ha affermato di non essere razzista e che quelle parole offensive gli sono “scappate” perché i ragazzi si stavano comportando male.

Purtroppo, non sempre i bulli vengono puniti, ma questo non deve in nessun modo scoraggiarci. B-Super significa anche non lasciarsi abbattere dalle sconfitte, rialzarsi e continuare a lottare per ciò che è giusto! GO GO GO!



© Copyright 2019 Super! Broadcast
De Agostini Editore S.p.A., sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A., - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)